Fotovoltaico: mercato internazionale in crescita del 50% nel 2016

25. aprile 2017

L’Agenzia internazionale dell’energia ha pubblicato il proprio rapporto sullo sviluppo del mercato del fotovoltaico. I dati indicano che a livello mondiale nel 2016 c’è stata una crescita del 50% ri- spetto all’anno precedente, crescita trainata in gran parte da Cina, Stati Uniti e India, mentre in Giappone e in Europa c’è stata una contrazione.

Nuovo record

Lo scorso anno, a livello mondiale sono stati installati nuovi impianti fotovoltaici per una potenza complessiva di 75 Gigawatt (GW, nel 2015 erano stati 50 GW). La potenza totale installata è così cresciuta in un anno di oltre il 50% ed ha superato la soglia di 300 GW. Gli impianti in funzione a fine 2016 hanno prodotto 375 miliardi di chilowattora all’anno, equivalenti alla produzione di 47 centrali nucleari delle dimensioni dell’impianto di Gösgen. Il solare fotovoltaico ha così coperto a livello mondiale l’1.8% del consumo di corrente, mentre in Europa tale percentuale è circa del 4%. In Hon- duras, la corrente solare ha addirittura coperto del 12.5% dei consumi, mentre in Italia, Germania e Grecia si è superato il 7%.

Asia e USA in testa, Europa in chiaro scuro

I Paesi che hanno maggiormente contribuito alla crescita sono stati Cina, India e gli USA, e si è regi- strato uno sviluppo importante anche in nazioni emergenti quali Sudafrica, Cile, Messico, Turchia, Thailandia e Filippine. In Europa nel 2016 sono stati installati impianti per una potenza di 6 GW (8 GW nel 2015). Come nell’anno precedente, a livello europeo i mercati principali sono stati quello inglese e quello tedesco.
In Svizzera, nel 2016 la crescita si è attestata a + 250 MW1, ossia il 25% in meno rispetto al 2015. Per una sostituzione nei tempi previsti delle nostre centrali nucleari la crescita annua del fotovoltaico dovrebbe essere almeno del doppio.

La corrente solare ha un costo imbattibile

Negli appalti per grossi impianti fotovoltaici, in molti Paesi si registrano regolarmente record a livello di prezzi bassi. Il prezzo più basso sinora registrato sono i 2.4 centesimi di dollaro US per chilowatto- ra fatti segnare per un impianto ad Abu Dhabi. Nell’ambito di un concorso congiunto tra Germania e Danimarca per un impianto in quest’ultimo Paese l’appalto è stato aggiudicato a 5.38 centesimi di Euro al kWh. A titolo di confronto: in Gran Bretagna, per il progetto della nuova centrale nucleare Hinkley Point C i promotori hanno chiesto una tariffa di immissione in rete di 13 centesimi di Euro garantita dallo Stato per 35 anni e indicizzata in base al rincaro.

Maggiori informazioni

«Snapshot of Global Photovoltaic Markets 2016» del programma fotovoltaico dell’Agenzia internazionale dell’energia IEA PVPS

Ulteriori informazioni dall'Agenzia internazionale dell'energia IEA

Grafico: Sviluppo mondiale dell'installazione di nuovi impianti fotovoltaici